Holocaustic. Raymond Federman e la disintegrazione del segno.pdf

Holocaustic. Raymond Federman e la disintegrazione del segno PDF

Nicola M. Strazzanti

L’opera di Raymond Federman (Parigi 1928 – San Diego 2009) si dispone in un unico ciclo trasversalmente segnato dall’Olocausto. L’ininterrotta tensione autoriflessiva nei confronti del proprio passato, lungi dal produrre un corpus narrativo superficialmente memorialistico, si traduce per l’autore franco-americano nell’elaborazione di un dispositivo stilistico originale ed articolato. In Double or Nothing (1971), The Voice in the Closet (1979), Smiles on Washington Square (1985) e To Whom It May Concern (1990), Federman inventa uno spazio testuale “aperto” per la narrazione che converte il plot in una mera appendice per la composizione. Questo genere di nodi concettuali, proiettandosi su superfici retoriche in perenne sovrapposizione metadiscorsiva, caratterizza in profondità la scrittura di Raymond Federman, di cui il volume traccia una dettagliata parabola critica calibrata in chiave post-strutturalista.Indice:IntroduzionePrima parte. Introduzione allermeneutica federmaniana1 Holocaustic1.1 Ermeneutica federmaniana2 Raymond Federman vs federman: “the private I”2.1 Raymond Federman nella cornice del postmodernismo2.2 DecentramentoSeconda parte. Raymond Federmn e la disintegrazione del segno3 «… but through a crack in the wall of my closet I see his hand»: la biografia decostruita di Raymond Federman3.1 Raymond Federman e il romanzo: il declino della storia3.2 (Auto)Biografia automatica4 La scrittura caustica di Raymond Federman4.1 Raymond Federman e la geometria della sintassi: The Voice in the Closet4.2 Raymond Federman e la perforazione dello spazio paginale: Double or Nothing4.3 Intermezzo: «When it comes, will it come in darkness, or will it bring its own light?»4.4 Raymond Federman e la perforazione dello spazio immaginaleConclusioniAppendice iconograficaBibliografiaNota sullAutore:Nicola Maurizio Strazzanti è Dottore di Ricerca in Studi Inglesi e Angloamericani

Holocaustic. Raymond Federman e la disintegrazione del segno, Libro di Nicola M. Strazzanti. Sconto 5% e Spedizione con corriere a solo 1 euro. Acquistalo su libreriauniversitaria.it! Pubblicato da libreriauniversitaria.it, collana Studi e progetti, brossura, data pubblicazione 2011, 9788862921718. L’opera di Raymond Federman (Parigi 1928-San Diego 2009) è trasversalmente segnata dall’Olocausto. La tensione autoriflessiva nei confronti di questa esperienza del suo passato non si traduce in un corpus narrativo memorialistico ma nell’elaborazione di un dispositivo stilistico originale e artic

4.85 MB Dimensione del file
8862921713 ISBN
Gratis PREZZO
Holocaustic. Raymond Federman e la disintegrazione del segno.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.pronatec2016.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

La sociologia della conoscenza, la sociologia politica, la filosofia politica e la scienza politica sono delle discipline autonome che però vanno congiunte nel momento in cui si intende «rivalutare il carattere ermeneutico delle scienze sociali», dacché da sole esse non sarebbero sufficienti per comprendere appieno la nostra contemporaneità sociale politica e ontologica, meglio definita Appunto generale sul dispotismo illuminato con riferimento alle riforme, al giusnaturalismo e al tema della tolleranza religiosa

avatar
Mattio Mazio

La scomparsa di una persona cara genera due sentimenti contrapposti: il dispiacere per la perdita e la serenità che scaturisce dal ricordo. Il ricordo dei giorni trascorsi, dei …

avatar
Noels Schulzzi

«Se Israele venisse distrutto, sarebbe più grave dell’Olocausto nazista. Perché Israele è la mia libertà. Certo, io sono integrato, ma non ho fiducia. Senza Israele mi sento nudo» (Claude Lanzmann, «Le Monde», 2 giugno 1967) Il rapporto tra la Shoah e la nascita dello Stato di Israele, in seguito alla Dichiarazione di Indipendenza del 14 […]

avatar
Jason Statham

“Coltivare la Memoria è ancora oggi un vaccino prezioso contro l’indifferenza e ci aiuta, in un mondo così pieno di ingiustizie e di sofferenze, a ricordare che ciascuno di noi ha una coscienza e la può usare”.

avatar
Jessica Kolhmann

Caratteristiche della scrittura di Nietzsche: Egli nei primi scritti predilige la forma del saggio e del trattato, e sceglie fra le altre la forma breve dell’aforisma. Il libro “Così parlò