Mi chiamo Lucy Barton.pdf

Mi chiamo Lucy Barton PDF

Elizabeth Strout

Da tre settimane costretta in ospedale per le complicazioni post-operatorie di una banale appendicite, proprio quando il senso di solitudine e isolamento si fanno insostenibili, una donna vede comparire al suo capezzale il viso tanto noto quanto inaspettato della madre, che non incontra da anni. Per arrivare da lei è partita dalla minuscola cittadina rurale di Amgash, nellIllinois, e con il primo aereo della sua vita ha attraversato le mille miglia che la separano da New York. Alla donna basta sentire quel vezzeggiativo antico, ciao, Bestiolina, perché ogni tensione le si sciolga in petto. Non vuole altro che continuare ad ascoltare quella voce, timida ma inderogabile, e chiede alla madre di raccontare, una storia, qualunque storia. E lei, impettita sulla sedia rigida, senza mai dormire né allontanarsi, per cinque giorni racconta: della spocchiosa Kathie Nicely e della sfortunata cugina Harriet, della bella Mississippi Mary, povera come un sorcio in sagrestia. Un flusso di parole che placa e incanta, come una fiaba per bambini, come un pettegolezzo fra amiche. La donna è adulta ormai, ha un marito e due figlie sue. Ma fra quelle lenzuola, accudita da un medico dolente e gentile, accarezzata dalla voce della madre, può tornare a osservare il suo passato dalla prospettiva protetta di un letto dospedale. Lì la parola rassicura perché avvolge e nasconde. Ma è nel silenzio, nel fiume gelido del non detto, che scorre laltra storia. Lucy guardò fuori dalla finestra e improvvisamente vide sua madre ai piedi del suo letto. L’autrice di Olive Kitteridge, Elisabeth Strout, scrive un altro romanzo sulle piccole cose della vita, sulla quotidianità rotta da un evento straordinario. Mi chiamo Lucy Barton racconta un incontro, quello tra la giovane Lucy e la madre che non vede ormai da molti anni. Una appendicite costringe la ragazza in un letto di ospedale per due mesi e allora ecco apparire dal nulla una mamma che ormai credeva persa e che pensava l’avesse dimenticata. Chiamandola “bestiolina” la donna si accosta alla figlia, la accarezza dopo tanto tempo e soprattutto le parla. Questo dialogo tra due donne è uno specchio verso un’assoluta verità ovvero quanto poco conosciamo chi ci sta vicino o chi almeno dovrebbe esserci a fianco anche se ci rifugge. Tra un sonno e l’altro, tra le lievi visite dei dottori e delle infermiere che sembrano entrare in punta di piedi in questo microcosmo che si è creato tra madre e figlia, ci sono i dialoghi, la scoperta l’uno dell’altra, le tante domande che devono o non vogliono porsi, l’una all’altra. Tra nostalgie e ricordi si avvicenda una galleria di personaggi evocati dalle parole della madre e dalla necessità della figlia di raccontarle come è cresciuta, anche senza di lei. Non c’è però astio, c’è solo sorpresa, necessità. La felicità è un passaggio solo eventuale su questa terra e se ci capita vicino sarà meglio riconoscerla. Questo ci dice Elisabeth Strout tramite il personaggio indimenticabile di Lucy Barton.

Dopo aver letto il libro Mi chiamo Lucy Barton di Elizabeth Strout ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad

9.15 MB Dimensione del file
8806229680 ISBN
Gratis PREZZO
Mi chiamo Lucy Barton.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.pronatec2016.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Dopo aver letto il libro Mi chiamo Lucy Barton di Elizabeth Strout ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad

avatar
Mattio Mazio

29 May 2017 ... Mi chiamo Lucy Barton Mondolibri https://www.mondolibri.it/. Mi chiamo Lucy Barton. Mondolibri. https://www.mondolibri.it/ · 1 note Oct 18th, ...

avatar
Noels Schulzzi

Mi chiamo Lucy Barton è un libro scritto da Elizabeth Strout pubblicato da Einaudi nella collana Supercoralli x Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le tue preferenze.

avatar
Jason Statham

27 ott 2017 ... Dopo “Olive Kitteridge” seguirono “Resta con me “ e “I ragazzi Burgess”. Un anno fa uscì, sempre da Einaudi, “Mi chiamo Lucy Barton” (che qui ... 12 set 2017 ... ... 2009 e, in Italia, del Premio Bancarella e del Premio Mondello, segue e va a colmare alcuni vuoti del penultimo libro, Mi chiamo Lucy Barton.

avatar
Jessica Kolhmann

(Mi chiamo Lucy Barton) Ma sono sempre idee dei suoi personaggi, che lei non necessariamente condivide, a differenza della maggior parte degli scrittori che usa i personaggi per dire quello che pensa. Hai dimenticato la tua password? inserisci il tuo email/login qui sotto e riceverai la password all'indirizzo indicato.