Io vi maledico.pdf

Io vi maledico PDF

Concita De Gregorio

Ecco il ritratto del Paese in cui viviamo – sempre sfocato dalle risse e dalle urla del presente – che si fa piú nitido quando le piccole storie di ciascuno sono cucite insieme in modo da comporre una grande storia corale. «Io vi maledico» c’è scritto sulla lapide di marmo che un operaio dell’Ilva di Taranto ha voluto mettere per strada, sotto casa sua. «Io vi maledico», dice la figlia dell’imprenditore che si è ucciso strozzato dall’usura bancaria, la studentessa venuta dalla Puglia e mantenuta da genitori operai che trova chiuse le stanze dei baroni romani, il minatore del Sulcis che voleva fare politica per la sua gente ma non ha trovato posto, la sindaca della Locride minacciata di morte, che vede andare milioni di euro in fumo. Sale dalle manifestazioni di piazza, dall’indifferenza offesa degli italiani assenti, una rabbia che è insieme fragilità, impotenza. La rabbia giusta dei giovani indignati che contagia le città di tutto il mondo e quella cieca di chi lancia sassi. La rabbia: che se è una malattia portata dai topi uccide popoli interi, se è un vento rivoluzionario cambia il mondo, se è un fumetto fa divertire i bambini, se la governi ti è amica – insegna Hulk, che di rabbia è verde. Se ti fai governare da lei – in politica come in amore, nella vita di tutti e in quella di ciascuno – hai già perso: l’uomo che ami, le elezioni, la fiducia in chi ti rappresenta o dovrebbe, la fortuna, la vita.

Io vi maledico. «Poco a poco, come le pietre di una collana,tutte queste storie diventavano un rosario:non di una preghiera, però. Di una maledizione.Diventavano tutti i colori della rabbia:la geografia esatta del disamore per chi ti hapromesso e poi negato, per chi ti ha illuso,per chi sa solo chiederti e mai dare».Concita De

9.17 MB Dimensione del file
8806215493 ISBN
Io vi maledico.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.pronatec2016.org o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Io vi maledico. Viaggio alle radici della rabbia. Una rabbia «giusta» che origina dall'esclusione, dalla disuguaglianza, dal sopruso e dall'assenza di giustizia. Scopri Io vi maledico di De Gregorio, Concita: spedizione gratuita per i clienti Prime e per ordini a partire da 29€ spediti da Amazon.

avatar
Mattio Mazio

La vera storia della maledizione birresca. della strega di Bamberga. Kaiserdom_Hefe_Weissbier_Beer Cosa: birra hefe-weizen. Nome: Kaiserdom.

avatar
Noels Schulzzi

"Io vi maledico" c'è scritto sulla lapide di marmo che un operaio dell'Ilva di Taranto ha voluto mettere per strada, sotto casa sua. "Io vi maledico", dice la figlia dell'imprenditore che si è ucciso strozzato dall'usura bancaria, la studentessa venuta dalla Puglia e mantenuta da genitori operai che trova chiuse le stanze dei baroni romani, il minatore del Sulcis che voleva fare politica per

avatar
Jason Statham

Rabbia Io vi maledico è un'indagine sui sentimenti più diffusi nell'attuale clima di incertezza e crisi mondiale, in particolare sulla rabbia; Concita De Gregorio vuole dar voce a piccole storie qualunque, che diventano emblemi della rassegnazione e disaffezione nei confronti della politica e delle istituzioni. Intervista ragazzi normali, imprenditori qualsiasi, figli di persone che hanno

avatar
Jessica Kolhmann

“Io vi maledico” c’è scritto sulla lapide di marmo che un operaio dell’Ilva di Taranto ha voluto mettere per strada, sotto casa sua. E “Io vi maledico” lo dice anche la figlia dell’imprenditore che si è ucciso strozzato dall’usura bancaria. "Io vi maledico" c'è scritto sulla lapide di marmo che un operaio dell'Ilva di Taranto ha voluto mettere per strada, sotto casa sua. "Io vi maledico", dice la figlia dell'imprenditore che si è ucciso strozzato dall'usura bancaria, la studentessa venuta dalla Puglia e mantenuta da genitori operai che trova chiuse le stanze dei baroni romani, il minatore del Sulcis che voleva fare politica per